Per favore scelga la sua nazione e lingua
Svizzera, Italiano

il telaio in carbonio del futuro

Volevamo mettere sulle ruote il telaio del futuro. Eravamo pronti a mettere tutto in discussione. Sapevamo
di dover ripensare praticamente tutto e cambiare molto, per riuscire davvero a fare di meglio ...


Che il carbonio fosse il materiale numero 1 per lo sviluppo della impec lo si era stabilito sin dall'inizio. Ma il tradizionale processo di laminazione, nel quale le lamine di materiale composito vengono incollate tra di loro manualmente, è stato scartato. In questo modo infatti il materiale continuerebbe ad essere lontanissimo dal pieno sfruttamento delle sue potenzialità. Questo potenziale noi lo vogliamo assolutamente impiegare per lo sviluppo della impec.

Dopo quasi quattro anni di progettazione eravamo giunti alla meta. Il nodo gordiano era stato tagliato di netto al centro. Avevamo il definitivo controllo della materia ed avevamo sviluppato due tecnologie che sono di vitale importanza per la impec. Entrambe sono del tutto nuove, del tutto diverse e, cosa di cui siamo pienamente convinti, assolutamente migliori.

La tecnologia impec n° 1 è il procedimento Load Specific Weave, abbreviato LSW. In questa fase di produzione ogni singolo tubo del telaio della impec viene realizzato su misura senza saldature e con assoluta precisione. Nella impec l'intero telaio è ottimizzato in funzione delle sollecitazioni specifiche cui è sottoposto. Ciascuno dei suoi tubi deve svolgere compiti diversi e, di conseguenza, ha anche un design diverso.

La tecnologia impec n° 2 è lo Shell Node Concept, abbreviato SNC. Ognuno degli elementi di collegamento del telaio della impec è composto da due semigusci, che nella fase di montaggio finale vengono incollati con assoluta precisione ai tubi del telaio. Questi gusci sono la vera rivoluzione sul telaio della impec ed anche in fatto di design stabiliscono nuovi standard. La realizzazione di questa idea è stata possibile solo grazie ad un Composite Compound Material estremamente resistente che può essere lavorato, in modo controllato sotto ogni aspetto, attraverso il procedimento di stampaggio ad iniezione.

Il risultato: combinando le tecnologie LSW e SNC otteniamo per la impec una qualità produttiva che ci consente di conferire al telaio anche una perfezione interna. In questo modo la impec è ad oggi definitivamente avanti di una lunghezza.

Revolutionär: Crosslock-Detail des impec

il nostro obiettivo: zero difetti - la rivoluzione industriale 2.0

Come si raggiunge la perfezione ? Questa domanda era al primo posto nell'elenco degli obiettivi da realizzare che abbiamo elaborato per la impec. Trovare la risposta a questa domanda è stato un bel lavoro e dobbiamo ammettere che all'inizio di rivoluzione non c'era traccia ...

La ricetta è nota : per ogni cosa si prende solo il meglio - il sito migliore, i migliori ingegneri, i migliori materiali, le migliori tecniche di produzione, i migliori processi di misurazione, i migliori collaudatori - e ci si mette al lavoro. Almeno in teoria.

Nella pratica bisogna invece sudare, scervellarsi, sbagliare, litigare, provare di nuovo, migliorare, affinare e così via. La progettazione della impec in questo senso non ha costituito un'eccezione. Non sembrerà rivoluzionario, e tuttavia il risultato dei diversi anni di progettazione si distingue in modo così netto dal resto del mondo, che in realtà non si può più parlare solo di evoluzione.

Uno dei nostri primi compiti è stato quello di trasferire il buon vecchio telaio a diamante nell'era digitale. Con le più moderne tecniche di produzione ed una serie di tecnologie per la lavorazione del carbonio, che a quel tempo non erano ancora state inventate.

Come intendessimo costruire i tubi fu definito relativamente presto. Le loro strutture in carbonio dovevano venire intrecciate senza saldature. Da una macchina come quelle usate tradizionalmente per la produzione delle funi d'acciaio. La tecnologia base n° 1 era stata quindi trovata, tutto il resto però, come ad esempio la lavorazione dei fili in carbonio con un macchinario simile, era terra inesplorata.

E tuttavia. Molto più difficile si rivelò la ricerca della pietra filosofale, per quanto riguarda i collegamenti del telaio della impec. Sia il problema del materiale sia la costruzione dei punti di incrocio sono stati tra le questioni
rimaste più a lungo in sospeso nel progetto. Ma alla fine, con lo Shell Node Concept, siamo giunti ad una soluzione che si è adattata perfettamente alle nostre specifiche. Fonti di errori ? Negativo. La rivoluzione industriale 2.0 ha vinto su tutti i fronti - niente ostacolava più la costruzione della impec.

impec Produktionsstraße in Grenchen

made in switzerland

Noi svizzeri siamo fortunati. Cresciamo a due passi, o addirittura circondati dai panorami da cartolina delle Alpi. È possibile che sia questo a renderci dell'idea che tutto al mondo debba rasentare la perfezione. Per lo sviluppo della impec tutto questo si è rivelato utile ...

Quando si sogna, come noi alla BMC, un telaio in carbonio privo di difetti, si giunge rapidamente ad un concetto di base: la regola più importante è sempre quella di avere il controllo assoluto del processo. Solo quando ogni singola fase del processo di produzione è facilmente comprensibile, verificabile e alla fine ripetibile senza errori sarà possibile realizzare in serie la tanto ambita perfezione. Una volta raggiunta questa consapevolezza,
il passo per fare della Svizzera la patria della impec è stato piuttosto breve.

Noi svizzeri abbiamo da sempre una particolare propensione per le cose ingegnose della vita. Con questo non intendiamo affermare di aver inventato il mondo. Ci siamo però interessati ad alcune tematiche o problemi e siamo andati a fondo della questione con precisione svizzera. Che si tratti della costruzione di un tunnel o di un ponte, della meccanica di precisione, delle tecniche di misurazione o dell'ingegneria meccanica, cerchiamo sempre di essere tra i migliori.

Oggigiorno la Svizzera è un sito high-tech per eccellenza. Innumerevoli piccole e medie imprese lavorano a tecnologie ed applicazioni decisamente orientate al futuro. Questa speciale infrastruttura è stata determinante
ai fini della nostra scelta di andare contro corrente e di fare della Svizzera la patria della impec.

La Svizzera offre inoltre un altro vantaggio inestimabile. È il paese dei percorsi brevi. Tanto brevi, che il tragitto per raggiungere il più vicino specialista di processo, programmatore CNC o tecnico di formatura è spesso percorribile senza grosse difficoltà. Possano anche in futuro non mancarci mai le idee per rendere il mondo un po' più perfetto.

Roboterarm mit optischer Kontrolleinheit